In primo piano 21 Maggio 20

Salvatore D’Aliberti: «MIGLIAIA DI PICCOLI IMPRENDITORI TAGLIATI FUORI DAGLI AIUTI DELLA REGIONE»

«Per l’erogazione dei prestiti agevolati sono stati esclusi i Confidi non VIGILATI, a cui si rivolgono decine di migliaia di artigiani veneti. Affidare la gestione dei 30milioni a Veneto Sviluppo rende la procedura farraginosa».

Salvatore D’Aliberti, segretario regionale di Casartigiani Veneto, lancia l’allarme riguardo al fondo da 30 milioni approvato dal Consiglio Regionale e destinato ad agevolare i finanziamenti per le imprese. Eccesso di burocrazia, l’esclusione dei Confidi non vigilati, e il fatto che chi erogherà il prestito sarà completamente esposto, sono i punti critici. «Decine di migliaia di piccole imprese che si rivolgono ai Confidi non vigilati (sono UNA DECINA  in Veneto) sono tagliate fuori. Quei fondi avrebbero dovuto essere destinati ad artigiani e commercianti come contributi a fondo perduto; come avviene in Francia e Germania», dice D’Aliberti. «Non si è tenuto conto della capillarità dei Confidi non vigilati, della loro capacità di essere veloci ed efficaci grazie alla vicinanza e alla conoscenza delle imprese. Siamo sorpresi che l’abbia capito il Governo (per i fondi anti usura, per esempio, ci si può rivolgere anche ai Confidi non vigilati), ma non la Regione. Noi continueremo a sostenere le imprese che si rivolgono ai nostri Confidi, che hanno visto crescere le garanzie erogate del 20%».

Altro punto critico della gestione dei 30 milioni è il fatto che il finanziatore sarà tenuto a sottoscrivere una convenzione in cui si impegna a “provvedere all’integrale rimborso della provvista pubblica indipendentemente dalla regolarità dei rimborsi da parte dei Beneficiari finali”, si legge negli allegati alla delibera della giunta regionale. «Se l’imprenditore non pagherà le rate dunque, sarà la banca, il consorzio o l’intermediario finanziario che ha erogato i fondi a doverli rimborsare interamente alla Regione. Chi mai vorrà assumersi interamente questo rischio  SE NON CON PRECISE GARANZIE?», sostiene D’Aliberti.

Per Casartigiani poi la decisione di affidare i fondi a Veneto Sviluppo avrà effetti negativi sui tempi di erogazione dei prestiti. «Se la Regione avesse voluto evitare le lungaggini burocratiche che imputa al Decreto liquidità non è certo questa la strada. Veneto Sviluppo dovrà raccogliere le manifestazioni di interesse di banche, confidi vigilati e intermediari finanziari, selezionarli e sottoscrivere le convenzioni. I “non vigilati”, che possono fare esclusivamente da garanti, invece riescono a far erogare i prestiti entro 15 giorni», aggiunge D’Aliberti. VEDI L’ESPERIENZA POSITIVA CON IL COMUNE DI TREVISO.

Notizie dalle associazioni casartigiani di tutta italia Diffondere la coscienza dei valori dell’Artigianato nel suo ruolo storico quale primaria forza sociale, economica e culturale.

23 Novembre 22


23 Novembre 22


14 Novembre 22


14 Novembre 22


Il Welfare bilaterale artigiano
Gli Organismi e i Fondi Bilaterali nazionali e territoriali nell’artigianato - EBNA/FSBA, SANARTI, FONDARTIGIANATO, OPNA sono strumenti di welfare contrattuale finalizzati a mettere in campo interventi a tutela dei datori di lavoro e dei dipendenti.

Il Welfare bilaterale artigiano, eroga prestazioni e servizi che vanno dal sostegno alle aziende in crisi e al reddito dei lavoratori dipendenti in costanza di rapporto, a interventi a favore delle imprese e del loro sviluppo, all’assistenza sanitaria integrativa e a corsi di formazione professionale, fino alla costituzione di una rete di rappresentanti della sicurezza territoriale.

Racconti artigiani
Dalla penna di Giacomo Basso, i racconti artigiani pensati per esaltare l’artigianato attraverso l’uomo.
Iniziative
Wikipedia
Organismi