Casavideo 29 Marzo 17

Rete Imprese Italia: “No a riforma Direttiva Bolkestein proposta da Commissione Ue”

La riforma della Direttiva Bolkestein relativa ai servizi nel mercato interno, proposta dalla Commissione Ue, lede l’autonomia legislativa nazionale e locale degli Stati membri e allunga e complica i procedimenti normativi e amministrativi dei singoli Paesi: in questo modo viola i principi di proporzionalità, sussidiarietà e necessità.

Questo il giudizio espresso oggi da Rete Imprese Italia nel corso dell’Audizione alla 10° Commissione Industria del Senato, sulla proposta di Direttiva sulla notifica dei regimi di autorizzazione e dei requisiti relativi ai servizi.

Rete Imprese Italia ha chiesto al Parlamento di intervenire presso il Governo italiano affinchè faccia fronte comune con gli altri Paesi Ue per modificare la proposta di Direttiva Ue.

La nuova procedura di notifica preventiva alla Ue degli atti regolamentari dei singoli Stati, prevista dalla Direttiva – sottolineano i rappresentanti di Rete Imprese Italia – è una forma di controllo ex ante che introduce nuovi obblighi informativi a carico dei Paesi membri, rallenta i loro processi decisionali che risulterebbero sospesi fino al termine dell’attività di valutazione da parte della Commissione europea, senza distinguere i casi di necessità ed urgenza che possono motivare la tempestiva adozione di un provvedimento da parte di uno Stato membro. Tutto ciò rischia di limitare la libertà d’impresa e gli investimenti e di condizionare le stesse competenze degli Stati. Anziché semplificare, si finisce per complicare ulteriormente gli iter di adozione delle leggi e si incide in modo non proporzionale rispetto all’adeguatezza della normativa proposta.

 

 

 


 

 

Notizie dalle associazioni casartigiani di tutta italia Diffondere la coscienza dei valori dell’Artigianato nel suo ruolo storico quale primaria forza sociale, economica e culturale.

29 Novembre 22


23 Novembre 22


23 Novembre 22


14 Novembre 22


Il Welfare bilaterale artigiano
Gli Organismi e i Fondi Bilaterali nazionali e territoriali nell’artigianato - EBNA/FSBA, SANARTI, FONDARTIGIANATO, OPNA sono strumenti di welfare contrattuale finalizzati a mettere in campo interventi a tutela dei datori di lavoro e dei dipendenti.

Il Welfare bilaterale artigiano, eroga prestazioni e servizi che vanno dal sostegno alle aziende in crisi e al reddito dei lavoratori dipendenti in costanza di rapporto, a interventi a favore delle imprese e del loro sviluppo, all’assistenza sanitaria integrativa e a corsi di formazione professionale, fino alla costituzione di una rete di rappresentanti della sicurezza territoriale.

Racconti artigiani
Dalla penna di Giacomo Basso, i racconti artigiani pensati per esaltare l’artigianato attraverso l’uomo.
Iniziative
Wikipedia
Organismi