Territorio 11 Novembre 20

Regionale 8 Taranto Avetrana, Casartigiani “si faccia presto”

da Manduria Oggi.it

«Vogliamo conoscere i tempi di realizzazione della Regionale 8 (Taranto-Avetrana). Non si perda più tempo. Non siamo più disposti ad accettare rimpalli di responsabilità e false promesse».  Casartigiani si unisce all’appello lanciato nei giorni scorsi dalle altre associazioni di categoria e dai sindacati, preoccupati per un ennesimo blocco dell’iter procedurale. Dopo mesi di silenzio, anche il segretario provinciale Stefano Castronuovo chiede di conoscere gli sviluppi del progetto, che ha infatti una storia ormai quarantennale. Resta alta l’attenzione di Casartigiani che da ormai diversi anni, insieme alle altre associazioni di categoria del territorio, si batte per la rapida realizzazione dell’infrastruttura. Eppure, nonostante le continue rassicurazioni della politica, ancora oggi, si accumulano ritardi su ritardi. «La Taranto Avetrana è un’opera utile a decongestionare il traffico costiero e a raggiungere più velocemente ed in sicurezza le marine di Leporano, Pulsano, Manduria, Lizzano, Torricella, Maruggio. L’infrastruttura è di primaria importanza anche per la mobilità turistica e lo sviluppo economico, turistico e produttivo del versante orientale della provincia di Taranto. Non vorremmo – fa presente Castronuovo – che ancora una volta il progetto subisca ancora dei rallentamenti».L’associazione degli artigiani invita pertanto le istituzioni ad accelerare gli atti e superare le difficoltà reali e presunte che continuano ad ostacolare la realizzazione della Regionale 8.«Trattandosi di una direttrice di collegamento interna strategica, ne beneficeranno non solo tutte le comunità interessate (Leporano, Pulsano, Manduria, Lizzano, Torricella, Maruggio) ma anche le aziende artigiane della provincia ionica che a causa della pandemia da Covid 19 sta subendo gravissimi danni economici. – rileva il segretario di Casartigiani- Oggi più che in passato, poter contare su una strada di 53 km a scorrimento veloce rappresenterebbe un grande vantaggio per le imprese dell’artigianato, dell’agricoltura, del commercio e del turismo che operano nella nostra provincia con enormi sforzi e sacrifici.