In primo piano 17 Aprile 24

Nello Molino: valorizzare l’eccellenza dell’Artigianato

Intervista a Nello Molino, Presidente Casartigiani Catania, Co-Coordinatore della Federazione Regionale Casartigiani Sicilia, propugnatore dell’impegno e dell’etica nella battaglia per l’artigianato e grande dirigente artigiano.

 

Presidente, Lei che presiede la storica Unione Provinciale Imprese Artigiane di Catania cosa suggerisce per il rilancio dell’Artigianato siciliano?

Quali sono, secondo Lei, i punti di forza di questa straordinaria provincia?

L’Artigianato è da sempre il fulcro dell’economia siciliana.

A Catania in particolare, e nei comuni della provincia, riveste un ruolo fondamentale per le sue caratteristiche di grande dinamismo, vivacità e resilienza.

Grazie a queste peculiarità e ad una conduzione aziendale basata molto sui valori della famiglia e sullo spirito di collaborazione tra datori di lavoro e dipendenti, parecchie aziende sono riuscite a superare il grave periodo di crisi causato dalla pandemia.

I sostegni offerti dall’Ente Bilaterale, e la vicinanza dell’Associazione sono stati un valido supporto.

Ora è il momento però di fare il salto e cambiare visione.

Bisogna innanzi tutto alleggerire le imprese da incombenze burocratiche che ne soffocano l’operatività, e poi valorizzare l’eccellenza dei beni e dei servizi offerti dall’artigianato, che si differiscono per creatività e unicità, rispetto a quelli di massa, offerti dalla grande distribuzione.

Ambedue gli aspetti, che meritano certamente un attento studio da parte del governo centrale, sono in Sicilia già sul tavolo della concertazione regionale.

 Le imprese artigiane siciliane oggi sono costrette a districarsi su diversificate norme o sulle differenze interpretative delle stesse. Quanto è importante una Legge Regionale sull’Artigianato in Sicilia?

Casartigiani, assieme alle oltre organizzazioni artigiane, è infatti al lavoro, di concerto con l’Assessorato alle Attività produttive, per l’elaborazione di una Legge Regionale sull’Artigianato che tenga conto delle esigenze reali del settore nella nostra isola.

Presso la III Commissione Attività Produttive è già in bozza un Disegno di Legge per la promozione, lo sviluppo e la semplificazione delle attività artigiane.

Per salvaguardare la professionalità e rilanciare mestieri e competenze si prevede la nascita di un Albo Regionale delle Imprese Artigiane di qualità, l’istituzione della qualifica di Maestro Artigiano e il riconoscimento delle Botteghe Scuola, con l’erogazione di contributi a sostegno.

Il futuro dell’artigianato, non solo nella nostra provincia, ma in tutto il territorio siciliano, dipenderà infatti dalla formazione dei giovani in questo ambito e dalla capacità che avrà la classe dirigente nel sapere motivare e indirizzare le loro scelte.

Coniugando la trasmissione delle competenze tradizionali con l’acquisizione di conoscenze e tecnologie innovative, l’artigianato potrà affrontare le sfide del mercato moderno.

Accennavo prima all’importanza della bilateralità, che il periodo terribile della pandemia ha involontariamente evidenziato.

Il sistema  bilaterale EBAS/OPRA/SANARTI/FONDARTIGIANATO oggi svolge un ruolo fondamentale, perché  consente alle aziende di essere in regola riguardo a tutti gli obblighi di legge ed ai contenuti dei CCNL, e contemporaneamente di usufruire dei  grandi vantaggi offerti sia per i lavoratori che per i datori di lavoro: dall’erogazione diretta della Cassa Integrazione all’erogazione di contributi che vengono aggiornati in base alle contingenze economiche, agli eventi geopolitici ed ambientali, e alle esigenze degli iscritti.

UPIA-CASARTIGIANI CATANIA è impegnata in prima linea nel compito di sensibilizzazione nei confronti delle imprese artigiane, alle quali individualmente e tramite eventi mirati, spieghiamo i grandi benefici che comporta l’iscrizione all’Ente bilaterale, sia per i titolari che per i dipendenti.

 

 La difficoltà dell’accesso al credito per le micro imprese è rappresentato dall’aumento dei prezzi sulle materie prime, dall’aumento dell’inflazione e da una sensibile incidenza dei rischi legati all’ambiente. Cosa propone per superare tali difficoltà?

Un altro importante punto su cui stiamo lavorando tantissimo è rappresentato dalla difficoltà di accesso al credito e dall’ eccessivo costo del denaro. Le micro imprese hanno sempre più necessità di disporre di liquidità, di effettuare investimenti per acquistare attrezzature, per scorte di materie prime, per ammodernamenti.

In Sicilia la Regione è venuta incontro al fabbisogno delle imprese artigiane con il bando “Più Artigianato” con il quale sono stati messi a disposizione 38 milioni di euro, tramite la CRIAS, sotto forma di contributi in conto capitale e di contributi in conto interessi per l’abbattimento dei costi dei finanziamenti bancari o per contratti di leasing.

 

Il lavoro di CASARTIGIANI sta raggiungendo livelli di eccellenza, è soddisfatto di questo impegno e del ruolo che la Confederazione è riuscita a raggiungere nella società civile?

A livello nazionale CASARTIGIANI ha fatto e sta facendo ancora moltissimo, per le imprese artigiane e per le associazioni territoriali collegate, sia riguardo l’accesso al credito che su diversi altri fronti, dimostrando di essere oggi veramente la migliore fra le Organizzazioni dell’Artigianato.

CASARTIGIANI infatti, grazie ad un leader illuminato e saggio quale il presidente Giacomo Basso, ad un direttore dinamico e brillante come Pierpaolo De Angelis, e ad uno staff d’eccezione per qualità e impegno, non solo ha saputo stipulare accordi vantaggiosi ed esclusivi per i propri associati, ma ha anche trovato soluzioni innovative, quasi rivoluzionarie, che possono realmente contribuire a dare una svolta, per la crescita delle imprese artigiane e delle nostre associazioni, e anche per lo sviluppo dell’intera economia.

Il valore aggiunto che Casartigiani possiede, elemento raro ai giorni nostri, è quello di mettere, da sempre, al centro della propria missione l’Uomo e preziosi valori sociali, etici e morali.

Come Presidente di Upia-Casartigiani Catania, e a nome di tutti i Dirigenti e degli Associati, esprimo un sincero ringraziamento al nostro Presidente Giacomo Basso e a tutti i suoi collaboratori.

 

 

 

Notizie dalle associazioni casartigiani di tutta italia Diffondere la coscienza dei valori dell’Artigianato nel suo ruolo storico quale primaria forza sociale, economica e culturale.

17 Maggio 24


23 Aprile 24


17 Aprile 24


Giacomo Basso,
L'impegno con gli artigiani

14 Giugno 23

30 Maggio 23

Il Welfare bilaterale artigiano
Gli Organismi e i Fondi Bilaterali nazionali e territoriali nell’artigianato - EBNA/FSBA, SANARTI, FONDARTIGIANATO, OPNA sono strumenti di welfare contrattuale finalizzati a mettere in campo interventi a tutela dei datori di lavoro e dei dipendenti.

Il Welfare bilaterale artigiano, eroga prestazioni e servizi che vanno dal sostegno alle aziende in crisi e al reddito dei lavoratori dipendenti in costanza di rapporto, a interventi a favore delle imprese e del loro sviluppo, all’assistenza sanitaria integrativa e a corsi di formazione professionale, fino alla costituzione di una rete di rappresentanti della sicurezza territoriale.

Racconti artigiani
Dalla penna di Giacomo Basso, i racconti artigiani pensati per esaltare l’artigianato attraverso l’uomo.
Iniziative
Wikipedia
Organismi