In primo piano 19 Febbraio 21

Ministero del Turismo – una risorsa per una filiera fondamentale del Paese

Roma 19 febbraio 2021 – CASARTIGIANI esprime apprezzamento per la decisione del Presidente Draghi di creare un dicastero ad hoc per il turismo. L’auspicio adesso è che vengano approntate con urgenza le operazioni di scorporo delle sue funzioni dal Ministero della Cultura e che possano essere assegnate ad esso con piena disponibilità le risorse necessarie agli investimenti turistici ed al sostegno di una filiera tra le più colpite dalla crisi pandemica con grandi cointeressenze artigiane.

Il Recovery Plan rappresenta certamente un veicolo straordinario per intervenire radicalmente nel settore in un orizzonte temporale di medio e lungo periodo; ma CASARTIGIANI sottolinea la necessità di non trascurare che le imprese del turismo sono in lockdown in molti casi praticamente da marzo ed hanno purtroppo ancora bisogno di interventi di supporto diretti, dagli aiuti a fondo perduto agli sgravi fiscali ai vari bonus.

Sono quelle attività che potranno contare su di una ripartenza effettiva solo dopo che la mobilità interregionale sarà ripristinata e ancora di più quando sarà ripreso il flusso del turismo dall’estero. Elementi questi sui quali si registra ancora molta incertezza e che stanno incidendo negativamente sulla possibilità degli imprenditori di pianificare in anticipo le proprie attività.

La rinascita del Dicastero del turismo restituisce finalmente la dignità e l’importanza dovuti ad un settore vitale per il Paese che accoglie numerose imprese artigiane della produzione tipica, artistica ed enogastronomica e dei Servizi. CASARTIGIANI auspica che il riconoscimento di tale specificità possa tradursi in interventi immediati per aiutare gli imprenditori ad uscire dalla crisi e nella programmazione di investimenti orientati al sostegno della domanda interna, da un lato, dall’altro alla riqualificazione ed alla promozione del nostro sistema di accoglienza.

Perché questo è un modo sensibile per raccogliere il “grido di dolore” proveniente da più parti d’Italia.