In primo piano 15 Settembre 18

Incontro tra Rete Imprese Italia e il Ministro Tria

Occorrono atti e misure per superare

il rallentamento dell’economia.

Va ridotto il carico fiscale sulle imprese

e scongiurato l’aumento dell’Iva

Obiettivi e contenuti del Def e della Legge di Bilancio, aspettative, preoccupazioni e proposte delle piccole imprese. Su queste linee si è sviluppato l’incontro di oggi pomeriggio tra Rete Imprese Italia e il Ministro dell’Economia Giovanni Tria.

Rete ha chiesto di mettere in campo atti e misure in grado di superare l’attuale fase di rallentamento dell’economia, un rallentamento che sta interrompendo una ripresa faticosamente agganciata, a partire dalla riduzione del prelievo fiscale, che grava in misura eccessiva e squilibrata sulle attività produttive e che va ridotto e semplificato, insieme alla riconferma dell’impegno a sterilizzare le clausole di salvaguardia e a scongiurare l’aumento dell’Iva.

In aggiunta agli annunciati interventi del governo sul regime forfettario, sull’abbassamento dell’età pensionabile, e sulla pace fiscale, necessaria per ridurre il contenzioso e per dare respiro ai debitori di importi più modesti, Rete ha evidenziato la necessità che la Legge di Bilancio completi il reddito per cassa, elimini, contestualmente all’entrata in vigore della fatturazione elettronica, tutte le disposizioni anti elusive che ormai non hanno più ragione di esistere, consenta la deducibilità dell’Imu sui capannoni, un costo non più tollerato dalle imprese, riconfermi il bonus per le ristrutturazioni mirate all’efficientamento energetico e sismico, gli incentivi legati a impresa 4.0, le risorse per il Fondo di Garanzia per le piccole imprese e per i fondi per l’autotrasporto.

“Abbiamo apprezzato – ha commentato il portavoce di Rete Imprese Italia al termine della riunione – l’attenzione del Ministro Tria ai problemi sollevati dalle piccole imprese in un clima di cordialità e apertura”.


Notizie dalle associazioni casartigiani di tutta italia Diffondere la coscienza dei valori dell’Artigianato nel suo ruolo storico quale primaria forza sociale, economica e culturale.

29 Novembre 22


23 Novembre 22


23 Novembre 22


14 Novembre 22


Il Welfare bilaterale artigiano
Gli Organismi e i Fondi Bilaterali nazionali e territoriali nell’artigianato - EBNA/FSBA, SANARTI, FONDARTIGIANATO, OPNA sono strumenti di welfare contrattuale finalizzati a mettere in campo interventi a tutela dei datori di lavoro e dei dipendenti.

Il Welfare bilaterale artigiano, eroga prestazioni e servizi che vanno dal sostegno alle aziende in crisi e al reddito dei lavoratori dipendenti in costanza di rapporto, a interventi a favore delle imprese e del loro sviluppo, all’assistenza sanitaria integrativa e a corsi di formazione professionale, fino alla costituzione di una rete di rappresentanti della sicurezza territoriale.

Racconti artigiani
Dalla penna di Giacomo Basso, i racconti artigiani pensati per esaltare l’artigianato attraverso l’uomo.
Iniziative
Wikipedia
Organismi