In primo piano 26 Maggio 23

Giorgio e Santino

Si usa dire “se il Signore dà una croce, dà anche la forza per portarla, altrimenti, si sente anche dire che “manda i panni secondo il freddo”.

In verità, ci sembrano aforismi crudeli, come se ci fosse una compensazione alla virtù, alla salute, all’intelligenza, al valore.

Eraclito direbbe “le cose succedono perché succedono”, poi l’Uomo non si arrende e soprattutto non si lascia avvilire e trova risorse insperate conservando, altresì, il senso dell’umorismo di fronte ai drammi dell’esistenza. È proprio questo il caso dell’alluvione dell’Emilia Romagna.

Onore e rimpianto per gli scomparsi, empatia per le famiglie e le persone, ma per quanto ci riguarda grande sensibilità per gli artigiani.

Proprio adesso che cominciavano a vedere una certa qual rinascita, dopo quell’altra immane tragedia della pandemia, il destino cinico e baro, direbbe Saragat, colpisce ancora .

Ma questa è gente seria, solida, generosa.

Noi romani amiamo molto la Romagna e non solo per una attinenza semantica o perché per un lungo scorcio di tempo abbiamo fatto comune presenza nello Stato pontificio. C’è anche molta vicinanza dal punto di vista caratteriale, con quel certo sprezzante disincanto e con quell’irridente plateale semi nascosta astuzia che, forse, è un modo come un altro di capire quello che c’è da capire e conoscere se stessi.

Gente seria, dicevamo, che ha bonificato territori, intrapreso, rappresentato, ad esempio nella “Dolce Vita”,  il contrasto malinconico tra l’essere e l’apparire . Un concetto Felliniano che ha dato la stura a un miglioramento della civiltà individuale ritenuta, a torto, genericamente italiana quando è, viceversa, emiliano romagnola.

Ho conosciuto alcuni di questa personalità verace ma, soprattutto, quello che mi ritorna spesso in mente, col suo carico di ricordi collaterali è il papà del nostro Danilo Barduzzi, Giorgio.

Grande lavoratore del settore alimentare, indissolubile nell’amicizia e nella colleganza con un altro tipo, niente male, di nome Santino.

Sono tra coloro che hanno contribuito alla diffusione del grande turismo e della grande cucina esportata laddove c’era la storia e il miraggio nella viciniorietà dell’urbe e del suo mare.

Giorgio aveva sempre un aneddoto, un aforisma, un sorriso, Santino, un rimpianto, un presagio e un triste ma confortante tocco di umanità.

Ricordando loro capisco adesso, facilmente, come abbia potuto rinascere la speranza, laddove c’è un romagnolo.

Adesso la nostra terra è sott’acqua e ci vorrà ancora tempo e risorse per rinascere sull’asciugar del sole e che il governo faccia la sua parte, con risorse congrue con premura certa.

Il resto lo faranno i tanti Giorgio e i tanti Santino e quelle meravigliose, protettive figure muliebri di Emilia Romagna.

 

Un aiuto per l’Emilia Romagna, al via la raccolta fondi per alluvione. Attivato un conto corrente per le donazioni

 

La Giunta regionale ha deciso di avviare subito una raccolta fondi per sostenere le persone e le comunità colpite, grazie alla generosità di chi vorrà partecipare a questa iniziativa.

Chiunque potrà versare un contributo utilizzando queste coordinate bancarie:

Iban:

IT69G0200802435000104428964

Causale:

“ALLUVIONE EMILIA-ROMAGNA”

Per donare dall’estero, codice Bic SwiftUNCRITM1OM0

Il conto corrente è intestato all’Agenzia per la Sicurezza territoriale e la Protezione civile dell’Emilia-Romagna.

Per agevolare le donazioni nell’ambito della raccolta fondi avviata dalla Regione, “Un aiuto per l’Emilia-Romagna”, chi intende versare sul conto corrente indicato può utilizzare anche l’intestazione abbreviata:  AGENZIA REGIONALE SIC.T. PROTEZIONE CIVILE EMILIA ROMAGNA.

Ogni euro raccolto, l’utilizzo che ne verrà fatto, verranno resocontati pubblicamente, così come è stato fatto per precedenti raccolte fondi (ricostruzione post sisma, emergenza Covid, emergenza Ucraina).

 

Notizie dalle associazioni casartigiani di tutta italia Diffondere la coscienza dei valori dell’Artigianato nel suo ruolo storico quale primaria forza sociale, economica e culturale.

17 Maggio 24


23 Aprile 24


17 Aprile 24


Giacomo Basso,
L'impegno con gli artigiani

14 Giugno 23

30 Maggio 23

Il Welfare bilaterale artigiano
Gli Organismi e i Fondi Bilaterali nazionali e territoriali nell’artigianato - EBNA/FSBA, SANARTI, FONDARTIGIANATO, OPNA sono strumenti di welfare contrattuale finalizzati a mettere in campo interventi a tutela dei datori di lavoro e dei dipendenti.

Il Welfare bilaterale artigiano, eroga prestazioni e servizi che vanno dal sostegno alle aziende in crisi e al reddito dei lavoratori dipendenti in costanza di rapporto, a interventi a favore delle imprese e del loro sviluppo, all’assistenza sanitaria integrativa e a corsi di formazione professionale, fino alla costituzione di una rete di rappresentanti della sicurezza territoriale.

Racconti artigiani
Dalla penna di Giacomo Basso, i racconti artigiani pensati per esaltare l’artigianato attraverso l’uomo.
Iniziative
Wikipedia
Organismi