In primo piano 27 Febbraio 24

Edilizia: “Patente a crediti” Dissenso di CASARTIGIANI al tavolo delle Parti Sociali

Roma 27 febbraio 2024 – CASARTIGIANI esprime netta contrarietà riguardo l’istituzione della “patente a crediti” come sistema di qualificazione obbligatorio per imprese e lavoratori autonomi delle costruzioni.  Un meccanismo che non garantisce i necessari livelli di sicurezza nei luoghi di lavoro ed introduce inutili duplicazioni dei costi conseguenti agli adempimenti connessi.

E’ quanto dichiarato da CASARTIGIANI intervenuta ieri alla riunione delle Parti Sociali a Palazzo Chigi su salute e sicurezza ed a seguito della avvenuta approvazione nel Consiglio dei Ministri del pomeriggio del Decreto del nuovo Decreto Legge sul PNRR contenente anche importanti misure sul lavoro e sulla sicurezza.

Si rimane fermamente convinti che, in primo luogo, si debbano rendere applicabili ed efficaci gli strumenti esistenti che il Testo Unico contiene e, solo dopo un serio monitoraggio dei risultati, si possano rivedere le modalità e i criteri di verifica.

Un’efficace gestione della prevenzione dei rischi negli ambienti di lavoro non si ottiene, secondo il parere di CASARTIGIANI, con la semplice duplicazione di costosi obblighi documentali a carico delle imprese, ma attraverso un serio impegno di tutto il Sistema della Prevenzione.

Le imprese per rafforzare le proprie azioni di prevenzione hanno bisogno di un contesto e di un quadro normativo più favorevoli. Riteniamo pertanto che l’obiettivo di miglioramento della prevenzione sia perseguibile anche puntando ad una sburocratizzazione normativa senza indebolire il livello di tutela, fondata su una applicazione reale e non meramente documentale degli obblighi di prevenzione, e consentendo a tutte le tipologie di impresa di avere regole proporzionate.

L’auspicio, quindi, è che i lavori dei tavoli settoriali annunciati dal Ministro Calderone e la discussione in Parlamento per la conversione in Legge del Decreto potranno giungere ad una radicale modifica della misura, soprattutto in questo momento congiunturale così negativo per il settore edile e per le microimprese in particolare.

Notizie dalle associazioni casartigiani di tutta italia Diffondere la coscienza dei valori dell’Artigianato nel suo ruolo storico quale primaria forza sociale, economica e culturale.

17 Aprile 24


10 Aprile 24


29 Marzo 24


Giacomo Basso,
L'impegno con gli artigiani

14 Giugno 23

30 Maggio 23

Il Welfare bilaterale artigiano
Gli Organismi e i Fondi Bilaterali nazionali e territoriali nell’artigianato - EBNA/FSBA, SANARTI, FONDARTIGIANATO, OPNA sono strumenti di welfare contrattuale finalizzati a mettere in campo interventi a tutela dei datori di lavoro e dei dipendenti.

Il Welfare bilaterale artigiano, eroga prestazioni e servizi che vanno dal sostegno alle aziende in crisi e al reddito dei lavoratori dipendenti in costanza di rapporto, a interventi a favore delle imprese e del loro sviluppo, all’assistenza sanitaria integrativa e a corsi di formazione professionale, fino alla costituzione di una rete di rappresentanti della sicurezza territoriale.

Racconti artigiani
Dalla penna di Giacomo Basso, i racconti artigiani pensati per esaltare l’artigianato attraverso l’uomo.
Iniziative
Wikipedia
Organismi