Territorio 30 Gennaio 24

Conclusa l’assemblea pubblica di Casartigiani Taranto

TARANTO – Grande partecipazione per l’assemblea pubblica di Casartigiani Taranto. L’evento che si è svolto ieri, al Relais Histò, in Via Santandrea – Circummarpiccolo Taranto, è stata un’occasione per riflettere sulle problematiche del presente e affrontare con consapevolezza le sfide del futuro. Nel dibattito diviso in due sezioni, moderato dal giornalista di Antenna Sud Leo Spalluto, si sono alternati diversi interlocutori del panorama politico, del lavoro, del sindacato, dell’artigianato.

Hanno aperto i lavori il direttore di Casartigiani Pierpaolo De Angelis, che ha portato i saluti del Presidente nazionale Giacomo Basso e il responsabile di Casartigiani Autotrasporto Paolo Melfa. Quest’ultimi hanno espresso piena vicinanza alle imprese dell’artigianato e dell’autotrasporto e hanno anche illustrato il proficuo lavoro che si sta svolgendo, sul piano nazionale, per una maggiore tutela dei diritti e delle vertenze che riguardano entrambi i comparti.

Il coordinatore regionale di Casartigiani Puglia Stefano Castronuovo ringrazia tutte le istituzioni intervenute e il numeroso pubblico in sala: «Ringraziamo le istituzioni – ha detto il coordinatore – i relatori, i soci e i cittadini che ci hanno onorati della loro preziosa presenza. È stato un momento di confronto molto importante, essenziale per progettare e proseguire insieme, ognuno con le proprie competenze, il futuro della nostra comunità. Senza confronto non c’è partecipazione, quest’ultima fondamentale per potersi migliorare. D’altronde, Casartigiani non smetterà mai di difendere e tutelare i diritti delle piccole e medie imprese, in ogni sede competente. Le aziende sono fondamentali perché rappresentano gran parte del tessuto economico e sociale del nostro Stato».

Orientare la comunità verso prospettive, alternative e strategie economiche differenti e che non dipendono unicamente dalla grande industria. In questa prima fase sono intervenuti il Senatore Mario Turco, gli onorevoli Dario Iaia, Patty L’Abbate, il consigliere del Presidente della Regione Puglia Cosimo Borraccino, i consiglieri regionali Massimiliano Di Cuia, Renato Perrini, Massimiliano Stellato e il vicesindaco di Taranto Gianni Azzaro. Anche i rappresentanti delle organizzazioni sindacali, imprenditoriali e datoriali, quali il Segretario Generale dell’Autorità di Sistema Portuale del Mar Ionio Roberto Settembrini, il Segretario Generale CGIL Taranto Giovanni D’Arcangelo, Antonio Stasi per la Segreteria UIL e il Presidente di Confcommercio Taranto Leonardo Giangrande hanno espresso la loro visione di comunità, affrontando le problematiche e delle difficoltà degli imprenditori e dei lavoratori tarantini.

Molto incisivi quanto significativi gli interventi dei presidenti delle categorie di Casartigiani Taranto quali Giovanni Cianciaruso (categoria Ncc e Taxi), Ivano Mignogna (Estetica) e Pierpaolo Carabotta (Giovani imprenditori), che fotografano alla perfezione la situazione perché ogni giorno sono in prima linea. Cianciaruso ha spiegato quali sono i punti di forza ma anche le difficoltà di chi, come lui, opera attivamente nel turismo. Mignogna ha illustrato in toto il ruolo dell’artigiano nella comunità e Carabotta, invece, ha sottolineato il valore e le opportunità, derivanti dalla tecnologica e l’innovazione, che possono migliorare le imprese stesse.

Durante il secondo dibattito, dedicato a “Il futuro del settore tra rischi, tutele e riforme del lavoro”, sono intervenuti il coordinatore dell’EBAP Stefano Maggipinto, il coordinatore OPRA Puglia Cosimo Leone, il dirigente della sezione artigianato della Regione Puglia Francesca Zampano, il commercialista Marco Zappatore e il consulente Domenico Ricci. Gli interventi si sono focalizzati, nello specifico, sulle tutele e le convenienze dei CCNL artigianato fino alle opportunità dei Contratti Collettivi Nazionali del settore dell’artigianato. Qui, anche la direttrice di Casartigiani Taranto Rosita Giaracuni ha ringraziato tutti i presenti, sia sul palco sia tra il pubblico, e ha sottolineato l’importanza del lavoro svolto, ogni giorno, anche nel settore della formazione dell’artigianato da ScuolArtigiani.

La giornata si è conclusa con l’assegnazione dei riconoscimenti alle aziende e alle start up associate, che finora si sono distinte negli anni e nel Tarantino per innovazione, professionalità, longevità e originalità.

 

Questo l’elenco dei premiati con le relative motivazioni:

  • Giovanni Cianciaruso, “Taranto in calessino”: Questo gruppo così tanto appassionato, dal 2017, mostra ai tanti cittadini, visitatori e stranieri una città diversa dal solito, intrisa di storia, meraviglia e bellezza. Cianciaruso è tra i promotori della riconversione della comunità, che punta essenzialmente al turismo e all’eco sostenibilità, attraverso i mezzi innovativi;
  • Debora Lippo, Panificio Marconi”: attività storica della provincia di Taranto. Cortesia, professionalità e qualità sono gli ingredienti essenziali che contraddistinguono gli artigiani di lunga stirpe. Questa famiglia, infatti, vanta una dinastia centenaria di panificatori, ormai baluardo della tradizione nostrana.
  • Sonia Cuscito, “Gsg Impianti”, Carosino: in un settore come quello dell’impiantistica termica prettamente maschile, Cuscito è riuscita lo stesso ad imporsi approntando grandi novità e ampliando la sua gamma di prodotti, con originalità e competenza
  • Simona Petralia, “Studio Uno Taranto Make Up”: È riuscita a distinguersi con professionalità e originalità in un settore in cui la concorrenza è molto vasta. Petralia offre, infatti, servizi ricercati e al passo con i tempi, attraverso la comunicazione marketing, operando con molto entusiasmo.
  • Cosimo Vestita, “Bottega Vestita”: Artigiano di lungo corso, Vestita è una delle icone nella provincia dell’artigianato artistico. Vestita incarna i valori della tradizione artistica artigiana italiana tanto ambita quanto apprezzata in tutto il mondo
  • Vito Ceci, “Elettrauto Ceci”: Ceci ha ereditato l’azienda di famiglia, che opera da oltre settanta anni nel Martinese. Nonostante abbia attraversato dei periodi bui, nella sua vita, non si è mai arreso perché ha affrontato ogni sfida con grande forza e resilienza
  • Oronzo Altimare, “L’azienda Altimare”: Oronzo è un giovane imprenditore che ha ereditato, dalla sua famiglia, l’azienda di autotrasporto. Non con poche difficoltò, è riuscito ad affermarsi nel Tarantino, con molta tenacia, coraggio e determinazione
  • Michela Capozza, “Salon Project Parrucchieri”: Per l’impegno profuso, in tutti questi anni, e aver trasmesso la passione artigianale ai propri figli. Quest’ultimi continuano, con professionalità, a tramandare anche attraverso la formazione “Hair Academy” costante gli insegnamenti della madre, circondandosi di giovani desiderosi di imparare il mestiere
  • Fabio Tagarelli, “Fondazione Taranto 25”: In tutti questi anni la Fondazione ha operato per la comunità attraverso azioni di sensibilizzazione e di promozione dei talenti. La Fondazione crede nella rinascita, in una città diversa e lo fa ogni volta che riconosce e valorizza le nostre eccellenze

 

 

Notizie dalle associazioni casartigiani di tutta italia Diffondere la coscienza dei valori dell’Artigianato nel suo ruolo storico quale primaria forza sociale, economica e culturale.

01 Marzo 24


29 Febbraio 24


29 Febbraio 24


Giacomo Basso,
L'impegno con gli artigiani

14 Giugno 23

30 Maggio 23

Il Welfare bilaterale artigiano
Gli Organismi e i Fondi Bilaterali nazionali e territoriali nell’artigianato - EBNA/FSBA, SANARTI, FONDARTIGIANATO, OPNA sono strumenti di welfare contrattuale finalizzati a mettere in campo interventi a tutela dei datori di lavoro e dei dipendenti.

Il Welfare bilaterale artigiano, eroga prestazioni e servizi che vanno dal sostegno alle aziende in crisi e al reddito dei lavoratori dipendenti in costanza di rapporto, a interventi a favore delle imprese e del loro sviluppo, all’assistenza sanitaria integrativa e a corsi di formazione professionale, fino alla costituzione di una rete di rappresentanti della sicurezza territoriale.

Racconti artigiani
Dalla penna di Giacomo Basso, i racconti artigiani pensati per esaltare l’artigianato attraverso l’uomo.
Iniziative
Wikipedia
Organismi