In primo piano 22 Marzo 21

CASSA INTEGRAZIONE NELL’ARTIGIANATO: CHIESTI 36 MILIONI PER CHIUDERE IL 2020 E L’ASSEGNAZIONE DELLE RISORSE PER IL 2021

Terminati, già da qualche giorno, i pagamenti di cassa integrazione ai dipendenti del Comparto artigiano (i 265 milioni, attesi per 100 giorni, sono stati distribuiti entro le 24 ore), il Fondo di Solidarietà Bilaterale per l’Artigianato ha aggiornato i conti di tutto quanto inserito, nel frattempo, nel sistema dai consulenti del lavoro e dai centri servizi. Ha così potuto presentare oggi la richiesta al Ministero del Lavoro ed al Ministero dell’Economia: servono altri 35.931.490,21euro per corrispondere l’ammortizzatore sociale alle lavoratrici e lavoratori sospesi dal lavoro nell’anno passato, accantonando nel contempo quanto servirà per il versamento dei contributi previdenziali collegati. Verranno pagate prestazioni di dicembre, ma anche cassa integrazione per i mesi più indietro per le quali finora mancava ancora la rendicontazione delle assenze o il completamento dell’iter burocratico.

Per ricevere questa somma, problemi non ce ne dovrebbero proprio essere, considerato il quantitativo di risorse economiche assegnato nelle disponibilità di FSBA per far fronte alle richieste di cassa integrazione dell’anno 2020. Sarà, semmai, un problema di tempi di attesa, laddove gli uffici del Fondo e le strutture della bilateralità che supportano nell’iniziativa sono, come sempre, pronte ad agire nell’arco di poche ore.

A proposito di assegnazione di risorse: stanno allungandosi troppo i tempi di attesa del decreto di attribuzione di quanto stabilito con la legge di stabilità per il 2021: dovrebbe trattarsi di 675 milioni. Il Fondo, unico soggetto abilitato ad occuparsi dell’ammortizzatore sociale per tutto il comparto artigiano, è già pronto ad iniziare i pagamenti di gennaio, febbraio e via così. E lo farà presto e bene. Purché i soldi siano presto messi nelle sue disponibilità e, successivamente, erogati, una volta fatta la rendicontazione di ciò che è pronto per essere pagato.

Nel giro precedente, fu il Ministro Orlando a metterci mano e, raddrizzando procedure, far giungere le risorse al Fondo degli artigiani. Lavoratori che non possono aspettare per settimane il pagamento della cassa integrazione e imprese artigiane che, in qualche modo, sono anch’esse interessate che lo strumento funzioni … tornano a chiedere, e lo fanno anche attraverso le parti sociali che si ritrovano in FSBA, una sua specifica attenzione ed un intervento che acceleri il tutto.