Territorio 28 Agosto 20

ARRIVA L’AUTUNNO CALDO PER L’ECONOMIA: Prando – GLI ARTIGIANI SONO MOLTO PREOCCUPATI

Ed ora ci siamo, passato questo convulso periodo estivo, si apre con incognite non indifferenti il periodo autunnale nel quale si andrà al vedo su molte categorie che fin qui hanno cercato di resistere, ma il mondo è inevitabilmente cambiato.

I dati sono molto preoccupanti per i piccoli autonomi che dai dati della pandemia si trovano in gran parte in quella fascia di diminuzione del reddito da 27,9% al 41,5% come dai dati esposti da Uniocamere.

Il calo dell’1,4% del numero delle imprese del Veneto, annunciato, potrebbe aumentare sensibilmente entro fine anno, periodo in cui i consumi normalmente assumono volumi sostanziosi, ma che data la situazione, si rivelano ancora abbondantemente sotto la soglia – afferma Andrea Prando segretario regionale di Casartigiani Veneto – sottolineando come l’autunno sarà decisivo per la sopravvivenza di settori produttivi del manifatturiero storici, come i mobilifici, i produttori di sedie, e varie arie del tessile e della meccanica, mentre per i settori dei servizi, salvo nuovi lockdown, si dovrebbe assistere ad un graduale recupero.

Ancora penalizzato il settore delle costruzioni e quindi tutto il sistema dell’impiantistica, salvo le manutenzioni, che stenta a ripartire a causa di un mercato stagnate, ma soprattutto stressato dal peso della burocrazia.

Le risposte delle imprese artigiane alla crisi spaziano tra soluzioni reattive e vere e proprie strategie proattive. In questa circostanza le imprese hanno dichiarato che la principale strategia adottata per rispondere alla crisi causata dall’emergenza sanitaria è la riorganizzazione dei processi e degli spazi di lavoro o commerciali. Le altre principali azioni messe in campo per fronteggiare la crisi hanno riguardato la modifica o l’ampliamento dei canali di vendita o dei metodi di fornitura o consegna dei prodotti o servizi (14,6% delle imprese venete) attraverso l’utilizzo di nuovi strumenti leganti al mondo dell’informatica.

L’emergenza sanitaria ha spinto il più del 40% delle imprese venete a ricorrere a un nuovo debito bancario, anche tramite le misure di sostegno disposte in materia. Tra le altre forme di credito bancario, il 24,7% delle imprese venete ha scelto di fare ricorso ai margini disponibili sulle linee di credito e il 16,4% ha richiesto un differimento nei rimborsi dei debiti.

Nel panorama degli strumenti non bancari quello più adottato è la modifica delle condizioni e dei termini di pagamento con i fornitori, a cui ha fatto ricorso il 24,5% delle imprese venete; soltanto l’11,5% ha adottato delle modifiche di condizioni e termini di pagamento con la clientela, questo  – sottolinea Andrea Prando che le aziende hanno messo in atto ogni strategia possibile per ovviare alla grave situazione, contando soprattutto sulle proprie forze e non basandosi sulle forme di contributo che non avrebbero avuoi la forza di sostenere il peso della pandemia. La speranza  è che l’autunno possa essere il periodo della ripresa per garantire reddito e lavoro.